venerdì 2 marzo 2012

Come coinvolgere la donna ad un livello emozionale





Per coinvolgere la donna ad un livello emozionale  si devono usare specifiche tecniche di seduzione che producano emozioni profonde.


Il linguaggio della seduzione deve far vivere un sogno. Per imparare a utilizzare
la parola come tecnica di seduzione dobbiamo però
imparare a non essere centrati su noi stessi. Infatti quando
comunichiamo, normalmente lo facciamo per soddisfare le
nostre esigenze e tutto ruota intorno a noi o ai nostri problemi.
Ovviamente anche nella seduzione comunichiamo con
un obiettivo che è proprio quello di sedurre, di coinvolgere,
di affascinare la persona che ci interessa. Ma in questo caso
il linguaggio è proprio il mezzo di seduzione, la tecnica di
seduzione stessa. Quindi se vogliamo portare a termine una
seduzione utilizzando la parola e il linguaggio dobbiamo
per prima cosa imparare a essere centrati sull’altro o sull’altra.
Dobbiamo poi imparare ad acquisire la padronanza della
comunicazione e di quello che diciamo. 
Il linguaggio della seduzione non deve mai essere preciso e diretto bensì metaforico,
allusivo, ambiguo, indiretto. Deve far venire dei
dubbi, non dare delle certezze. L’arte della seduzione deve
pian piano condurre la persona che ci interessa in una realtà
parallela, una realtà dove questa percepisce di poter finalmente
realizzare i suoi desideri più nascosti. Come usare
quindi il linguaggio nella seduzione?
Il punto di partenza è quello di lusingare la persona che
ci interessa proprio lì dove questa ritiene siano le sue mancanze
e i suoi punti deboli. Una donna che ad esempio si ritiene
bella ma di scarsa cultura e quindi vive come una mancanza,
come un punto di debolezza la sua cultura, dovrà essere
elogiata proprio per quest’ultima. La sua bellezza non
dovrà nemmeno esser presa in considerazione. Ovviamente
la lusinga non dovrà essere fredda e diretta, ma dovrà essere
utilizzato un linguaggio multisensoriale, che comprenda
termini visivi (che producano immagini), termini uditivi
(che facciano rivivere musiche, suoni, melodie), termini cenestesici
(che facciano percepire sensazioni, odori, gusti). Il
linguaggio nella seduzione dovrà poi essere metaforico, la
lusinga sulla cultura della donna in oggetto dovrà essere fatta
paragonandola a poetesse o a letterate del passato. Una
donna che invece ritenga di avere come punto debole un difetto
fisico, ad esempio il naso grosso oppure aquilino, dovrà
esser lusingata e adulata proprio per il suo naso. Si dovranno
anche qui usare metafore che paragonano ad esempio la
bellezza del suo naso a quello delle regine dell’antico Egitto.
Perché si utilizza questa tecnica quando si usa l’arte oratoria
nella seduzione? Perché in questo modo si destabilizza la
persona, le si producono un’infinità di dubbi: «Come è possibile
che quello che io vedo come un mio difetto, un mio
punto debole mi venga ora elogiato? E quello che credevo
essere un mio punto di forza nemmeno viene preso in considerazione?
Mi staranno prendendo in giro oppure sono io
che ho sempre visto le cose diversamente da quello che so-
no?». In questo modo si destabilizza la capacità di ragionamento
dell’altra persona che diventa istintivamente predisposta
a staccarsi dalla realtà e ad essere condotta là dove chi
sa utilizzare una delle più raffinate tecniche di seduzione,
quella dell’utilizzo del linguaggio, la condurrà.

Nessun commento: