giovedì 1 marzo 2012

SEGNALI DI SEDUZIONE MASCHILE



I segnali di seduzione ,maschile ( come dall'altra parte i segnali di seduzione femminile)sono i segnali che emette l'uomo per coinvolgere.
La conoscenza del linguaggio del corpo, cioè di quei segnali prodotti involontariamente con gesti, movenze, variazioni di postura ed altro, ci consente di conoscere meglio l'altro e quindi di acquisire sicurezza, disinvoltura e di renderci, di conseguenza, più intraprendenti e sciolti nelle nostre interazioni umane. Capire, ad esempio, nel rapporto con l'altro sesso, se piacciamo ad una data persona, se trova piacevole conversare con noi o, addirittura, se mostra chiari segni di eccitamento sessuale, ci avvantaggerebbe moltissimo in questo senso.
I comportamenti che illustrano questi atteggiamenti sono molteplici, qui ne indicheremo alcuni, rimandando chi è interessato alla letteratura sull'argomento.
Uno dei più comuni motivi conduttori dell'attrazione e del corteggiamento nel comportamento non verbale è l'esaltazione delle caratteristiche proprie del sesso di appartenenza.

  • Gli occhi. Se al primo incrocio di sguardi con una Lei un ragazzo solleva ed abbassa ripetutamente le sopracciglia sbattendo le ciglia, la freccia di cupido ha fatto centro. In questo modo infatti si mettono in risalto gli occhi, rendendoli luminosi e languidi.
  • Le labbra. Se un uomo, guardando una ragazza, schiude le labbra delicatamente, vuol dire che è rimasto affascinato da ciò che ha visto. 
  •  Esibire simboli fallici.toccarsi o lisciarsi la cravatta, far sporgere leggermente il dito medio rispetto alle altre dite o tenerlo fra indice e pollice dell'altra mano, poggiare una mano sulla coscia, sollevare una penna e così via. Naturalmente, esistono segnali d'attrazione che valgono per entrambi i sessi: accarezzarsi i capelli, passare la mano su zone erogene, manipolare più o meno allusivamente oggetti propri o dell'altro, toccare il partner per un tempo superiore a tre secondi, toccarsi dove si è stati toccati dall'altro e guardare l'altra persona per un tempo più lungo del normale o guardarla almeno due volte.
  • I capelli. Per essere più affascinanti e attraenti, molto spesso gli uomini tendono ad accarezzarsi i capelli, a smuoverli o ad aggiustarli.
  • Muscoli. La postura è un altro elemento da non sottovalutare, perché i maschietti, spesso inconsciamente, di fronte ad una ragazza ritenuta seducente o attraente, assumono una postura eretta, che mette in risalto i muscoli e il fisico prestante.
  • Esplorazione visiva. E’ così scientificamente definita l’abitudine tutta maschile di Guardare con attenzione il corpo della donna ‘desiderata’. 
  • Mani. Le mani sui fianchi indicano sicurezza di sé e volontà di mettere in risalto il proprio corpo. Le mani ansiose che aprono e chiudono i bottoni della giacca, che sistemano la cravatta o le maniche della camicia, indicano non solo desiderio di apparire al meglio ma anche nervosismo. Se un Lui è nervoso, probabilmente, è perché vuole fare colpo sulla ragazza che ha di fronte.
  • Viso. Quando siamo attratti da qualcuno, le parti più delicate del viso come labbra, guance, ma anche orecchie e mento, diventano più sensibili al contatto.
    Se un uomo si tocca nervosamente gote, mento e labbra sta esplicitando il desiderio di essere baciato.
  • Gambe. Distendere le gambe in avanti quando si è seduti è un segnale chiaro: l’uomo vuole focalizzare l’attenzione sulla parte bassa del corpo.
    Nella maggior parte dei casi è un gesto consapevole: manifesta l’intento di un approccio fisico.
    L’interesse è ancora più forte se l’uomo accavalla le gambe e quella superiore è rivolta in direzione della donna.
  • Tono di voce. Se Lui è in comitiva ma vuole essere notato, come individuo isolato, da una ragazza, il suo tono di voce, spesso inconsapevolmente, si alza. Scherza, ride ad alta voce, cerca di attirare l’attenzione; questi sono tutti sintomi di interesse per una Lei presente.
  • Bocca. Un ragazzo che vorrebbe essere baciato dalla ragazza che lo attrae fuma molte più sigarette e beve molti più bicchieri del solito.
    Portando oggetti alla bocca fa trapelare senza volerlo il suo desiderio e i suoi pensieri. 
Prestare attenzione al contesto e non al singolo gesto:
Tutti i segnali del corpo appena visti devono essere presi come delle linee guida ma sempre contestualizzati, mai presi singolarmente e se non si conosce bene la persone questi potrebbero essere forvianti.
Con la pratica sicuramente leggere il linguaggio del corpo di un uomo può essere davvero utile anche non solo nelle storie affettive ma anche in altri aspetti della vita.

Nessun commento: