venerdì 27 aprile 2012

La seduzione nello spazio - tempo (a cura cura di Katia Ferrante)


KATIA FERRANTE



La seduzione nello spazio - tempo

Non si seduce nello stesso modo a tutte le longitudini.  Per esempio tra il
latino abituato  al contatto fisico e l ' inglese  che lo trova invece scioccante  in aggiunta ci sono differenze anche riguardanti la concezione e l'uso  del tempo ad esempio in Giappone si investe sul " qui e ora ", mentre in Cina si agisce con mutamenti lenti e mirati a guadagnare di più nel tempo questo per dire che l influenza della cultura  e ' spesso determinante . Nel
Occidente impregnato di cristianesimo si pensa alla seduzione come un "attività
peccaminosa "  che  ci allontana dalla retta via e spinge verso scelte destabilizzanti come quella che costo' ad Adamo ed Eva la cacciata dal giardino Dell 'Eden,  certo  la seduzione perturba perché spesso si fa portatrice di cambiamenti verso altre condizioni ma  la seduzione combatte l altro" per produrre cose diverse dal solito e questo senz' altro comporta dei rischi. Ma
a differenza del conflitto ,nella seduzione l' uno  non e' avversario dell altro ma e '"  nulla senza l altro" ...non si seduce mai da soli  ma  grazie
all'eco che si risveglia nell'altro e che risuona in noi. Mentre  gli avversari in battaglia difendono interessi differenti il seduttore cerca  un'adesione"  opponendosi se necessario agli appetiti dell'altro. Tutto ciò
si ottiene raramente in un colpo solo presuppone costanza preparazione e
azione  .Ricordando  che nulla e' stabile o definitivo in natura  , nel clima
come negli umori di chi vogliamo sedurre... Fondamentale non risultare
dipendenti dai riscontri che si possono  ottenere in tempi brevi  la fretta fa da cattiva consigliera,
la  seduzione ad hoc  sa  attendere , sa osservare  ha il passo di un felino
non  investirà  tutta l' energia da  privarsi  la  possibilità di un piano b
ma saprà essere un abile osservatore pronto a compiere il salto solo al momento
giusto.  Non  sprecate il  salto per  una preda poco appetibile  ai nostri
occhi un super seduttore e  poi scopriamo sempre con i nostri occhi che non
sapeva "sedurre " neanche se stesso e la domanda sorge spontanea  "come  può
avermi sedotto proprio lui -lei"?  .... in voi la risposta c'e!

Katia

Nessun commento: