venerdì 20 luglio 2012

Aprirsi alla seduzione




E’ interessante aprirsi alla seduzione ed  avvicinarsi ad una persona, parlando il suo linguaggio, per costruire l’idea della persona stessa, anziché utilizzare quella che ci si è prefissata con stereotipi.
La seduzione  permette un atto creativo, rispetto alla persona con cui si viene a contatto, anche se all’inizio è bene farsi carico di una serie di frasi (tappe), che servono per creare rapport.
Poi è bello lasciarsi andare con frasi e parole che vengono spontanee, senza farsi domande del tipo: “Adesso cosa dico?” – “Adesso cosa faccio?”.
Se la persona con la quale si interagisce non la si conosce è bene usare dei “fili”comuni, che mandano in sintonia con lei.
Il viso, il corpo della persona, sono segnati dalla sua personalità, dal suo carattere e quando entra in trance e lascia la critica, lo segnala con espressioni del viso e del corpo diverse dal suo solito. Si dissocia dall’idea che ha di sé e si presenta al naturale, si stacca dagli stereotipi che la condizionano tutti i giorni. Sono cose che si fissano in ciascuno di noi da lungo, lunghissimo tempo e per questo è bene avere dei profili di personalità “tipo” e sapere come possono utilizzati per inquadrare la persona che si ha davanti.
Prima di ogni   seduzione   è utile conoscere la persona. Le domande che si possono fare, devono partire dalla CURIOSITA’, intesa come interesse genuino, non usando domande da “cliché”; sono domande che partono dalla persona, dall’individuo, non tanto dalla sua professione o altro.
Occorre farsi descrivere la vita della persona come se la sua personalità fosse un quadro che sta alle spalle di chi ascolta, che non vede il quadro e che se ne fa un’idea per quello che la persona che lo descrive PROIETTA di se stessa e poi ci s’IDENTIFICA. In questo modo, chi ascolta, non vede ciò che potrebbe vedere girandosi e guardando con i propri occhi, ma ha una visione veritiera che lascia fuori ogni costruzione razionale.
E’ così facile che la persona parli di sé in maniera limpida, facendo trasparire tutto se stessa; dalle parole, dai toni che usa si può capire tutto di lei.
 Una buona indagine non deve essere troppo pesante per la persona; è bene quindi, soprattutto all’inizio, rimanere su di un linguaggio di PERSUASIONE, piuttosto che di PRECISIONE, stando in superficie.In seguito si faranno domande di APPROFONDIMENTO per saperne di più.
Ad es. si può chiedere “quando e dove ti sei comprato le scarpe che porti?” – “Come ti compri le scarpe?” se si presta attenzione alle risposte a domande apparentemente banali, queste ci possono dire molto della persona; ci sono dei meccanismi ben precisi per cui la persona, ad es. si compra le scarpe, che riflettono aspetti importanti della personalità (se la risposta, per es. è: “Mi occupo dell’abbigliamento e poi penso alle scarpe, che si abbinino al vestito, in negozi di tendenza; ne ho 60 paia”, questo vuol dire molto della sua personalità).
Bisogna strutturare le risposte, per capire la persona. Meno scarpe la persona ha, perché non le trova facilmente, rispetto ai suoi gusti, è una continuità che vuol dire “non cambio idea”. Chi le cambia spesso, cura il colore, la comodità, ne ha tante, significa che accetta più facilmente di cambiare idea, di cambiarsi e quindi è più facilmente ipnotizzabile, perché accetta più facilmente le idee di un altro e gli permette di sedurlo. Non vuol dire che sia una persona superficiale o “banderuola”, è solo un modo una caratteristica che ci aiuta a scegliere quale percorso intraprendere per ipnotizzare la persona.
Valutando le scarpe o altro si può scoprire che tipo di approccio ciascuno ha con il mondo e con le persone e, di conseguenza, con la capacità di coinvolgersi rapidamente.
Altro modo di valutare la persona è osservare come, e se, si cura le mani, se lo fa da sola, se va dalla manicure; questo ci dice se i suoi pensieri sono molto riservati, se si apre o no agli altri, se si lascia “mettere le mani addosso” (ciò vale anche per il parrucchiere). Se non fa tutto da sola è più facile che si lasci guidare da un altro.

Ci sono due aspetti importanti della seduzione  :

  1. COSA SEI, COSA FAI .

  1. ACCETTI O NO DI FARTI GUIDARE 


Nessun commento: