sabato 7 luglio 2012

Motivazione, volontà e conoscenza gli ingredienti del successo





Motivazione, volontà e conoscenza sono gli ingredienti del successo e sono la base dell'arte della persuasione.


La conoscenza non viene ricevuta passivamente né attraverso i sensi, né grazie alla comunicazione.
Non abbiamo dei dati dall’esterno, ma dati interni  (cose che scelgo e decido, legato alle mie conoscenze ed esperienze). La percezione è miratissima: percepisco solo ciò che voglio, anche se non sono totalmente libero, perché legato all’esperienza.
La MOTIVAZIONE è un elemento essenziale della conoscenza. Se non mi interessa, non imparo. Il bambino nasce senza esperienza e senza conoscenza, poi viene perturbato dall’esterno e da queste perturbazioni si forma. Noi riproduciamo al nostro interno ciò che avviene all’esterno.

La conoscenza come la volontà viene attivamente costruita dal soggetto "conoscente"
  1. La funzione della conoscenza è adattiva, nel senso biologico del termine, e tende verso l’adattezza o la viabilità (ci permette l’adattamento, sia biologicamente, sia culturalmente. Noi occidentali senza la cultura non sopravvivremmo).
  2. La conoscenza serve all’organizzazione del mondo esperenziale del soggetto, non alla scoperta di una realtà ontologicamente oggettiva . Chi non ha successo è perchè  non crede di poter vincere, non perché obiettivamente non possa farlo.




    Un PRESUPPOSTO è qualcosa che deve essere vero perché quello che segue possa essere vero. Se capisco da dove parto e lo accetto come vero, in psicologia sono nel "giusto".
    I grandi risultati sono legati tutti ad un grosso sacrificio (coloro che emergono hanno dedicato non meno di 10 anni della propria vita alla loro attività,


    INTELLIGENZA EMOTIVA , è quella che permette di sviluppare il SENSO MORALE: il gioco con gli altri, le relazioni, il rispettare le regole, dà il senso morale.
    • Non possiamo vivere senza relazioni con gli altri 
    • Contenuti (cosa so fare altro oltre lo sport)
    • Arricchirsi nei contenuti sviluppa le capacità
    • Arricchirsi nei contenuti, anche non legati allo sport che si fa, sviluppa comunque le capacità.
  3. Questa è una visione orientale.E’ importante sviluppare l’IDENTITA’ dell’atleta. 

    IDENTITA’ comporta: - relazioni con gli altri
    - contenuti culturali ricchi posso cambiare i tempi dedicati alle varie parti.
    - contesti in cui vivo (scenari)

Noi siamo una macchina elaboratore di 3° ordine.
1° ordine: CAUSA EFFETTO.
2° ordine: CAMBIA IN FUNZIONE DEL FEEDBACK CHE RICEVE.
3° ordine: CAMBIA IL MODO CON CUI GUARDA LA REALTA’, non soltanto in funzione del feedback che
riceve.
La conoscenza non è mai banale, perché ti cambia sempre, per come vedi le cose, non ti lascia mai come prima. Può essere un rischio perché ti cambia, non ti lascia mai indifferente. La conoscenza non è eliminabile, la nostra mente elabora sempre. Se mi dicono: "non pensare ad un cavallo!", è logico che io lo pensi immediatamente, perché io ho conoscenza del cavallo e non posso eliminarla. Quindi bisogna costruire psicologicamente in modo positivo, non dire : "non essere stressato!"  è negativo  ma "sii
tranquillo!"  è positivo 

Nessun commento: