lunedì 7 gennaio 2013

Modelli mentali



Spesso giudichiamo il presente in modo distorto perché corrisponde ad un passato immaginato che non esiste più.
Le credenze inconsapevoli possono essere in contrasto con i nostri desideri consapevoli, ad esempio una ragazza vorrebbe essere giudicata bella, ma si è costruita la credenza di essere brutta. Credenza nata  perché in un tempo lontano il compagno di banco della scuola mi diceva che era butta.
Il cervello può produrre credenze e realtà soltanto confrontandole su ciò che ha immagazzinato dentro. Di tutte le informazioni inconsapevoli il cervello fa una sintesi , costruisce dei modelli mentali che sono una sorta credenza inconsapevole. I modelli mentali diventano i filtri con i quali si percepisce e si interpreta la realtà e della realtà si intende a percepire ciò che è allineato con i nostri modelli mentali. Una persona pessimista tende a percepire soltanto eventi grigi e tristi. 
Per vivere una vita felice dobbiamo innanzitutto creare nel nostro  cervello dei modelli e delle credenze di felicità e di entusiasmo.
E' molto meglio essere entusiasti ed aver torto che essere pessimisti avere ragione. 
L'obiettivo del nostro cervello più arcaico, il cervello istintuale, è quello della sopravvivenza, ed è per questo motivo che spesso cerchiamo di opporci al cambiamento oppure mettiamo in atto bei comportamenti istintivi che sono frutto dei vecchi condizionamenti legati alla sopravvivenza, ma che attualmente non sono più attuali, e quindi è necessario imparare a modificarli. 
È possibile modificare gli schemi operativi ed il modo in cui si interpreta la realtà cioè il modo in cui si interpretano le informazioni immagazzinate nella memoria, ciò che, ovviamente e invece non è possibile modificare sono le informazioni stesse. Imparare però a reinterpretare in modo positivo le informazioni disponibili ci consente di fare un salto di qualità e di andare verso la nostra felicità.
Per farlo e' necessario imparare il linguaggio delle emozioni che è l'unico tipo di linguaggio che permette una ristrutturazione degli schemi mentali automatici di comportamento.

Nessun commento: