lunedì 12 agosto 2013

Comunicazione di successo in azienda


Problemi di flessione delle vendite,
di qualità nei servizi oppure di conflittualità interna
o di demotivazione diffusa, hanno troppo spesso
una inutile e a volte dannosa comunicazione in azienda.
E’ più facile del resto mettere mano ai processi e
alle regole o dare colpa al mercato o alle pretese dei
clienti piuttosto che adottare soluzioni con una
strategia di proattività!
La verità e che una volta che l’azienda vive la “sindrome dell’organizzazione” è portata ad amplificare il problema vedendo la soluzione soltanto in chiave organizzativa.
Venendo meno l’atteggiamento delle persone a
“fare bene ciò che devono” e ad accettare le responsabilità si diffonde l’atteggiamento per cui vi è
“sempre qualcun altro” che potrebbe fare od agire
al posto di chi dovrebbe.
Tutto questo finisce per giustificare ulteriori decisioni
organizzative che hanno l’effetto di “ingessare
l’azienda su se stessa”.
Non ci sono processi organizzativi
che possono compensare la mancanza
di motivazione e assunzione di responsabilità
da parte delle persone.
Fare leva sulla proattività delle persone è un cammino virtuoso in cui l’organizzazione preserva se
stessa da dannose “tentate soluzioni”.La vera vittoria si ottenga nella preparazione e nella conoscenza approfondita sia del “campo” di battaglia sia osservando il comportamento del nemico.
“Complementarietà” e “Simmetria”
non sono solamente elementi di strategia militare
ma anche fondamenta importanti di leadership d’impresa.
Mentre provocare contrapposizione è sempre un
atto di simmetria e rappresenta la sconfitta di una
strategia politica e diplomatica, l’uso raffinato
della complementarietà e della simmetria, mette in
difficoltà l’avversario ancor prima di un possibile
confronto.
Come l’arte della guerra insegna a vincere il nemico
senza avere bisogno di combattere alcuna battaglia
la leadership analogica favorisce il successo di
una attività, o più in generale il raggiungimento di
un obiettivo, prima ancora che essa debba essere
svolta.
Le dieci regole per sviluppare la proattività nelle
organizzazioni
1. orientare il bisogno di stima, considerazione e
affidabilità delle persone verso gli obiettivi dell’impresa;
2. favorire e non ostacolare lo scambio di idee e
proposte anche quando esse sembrano “paradossali”
o non coerenti rispetto alla situazione;
3. costituire un canale di verifica periodica del
livello di motivazione esistente nell’organizzazione
e confrontarlo rispetto a periodi precedenti;
4. educare le persone alla cultura del cambiamento
condividendo i principi della leadership proattiva;
5. favorire strutture organizzative più “soft”;
6. effettuare frequenti cambi di ruolo;
7. realizzare in modo diffuso una politica del personale
con criteri di “gestione per obiettivi”;
8. educare al “sano egoismo” e al “sano altruismo”;
9. favorire la delega e la responsabilità personale;
10. perdonare chi sbaglia, premiare chi fa e penalizzare chi non fa.

Nella guida delle organizzazioni è utile mettere in atto comportamenti di Simmetria/Complementarietà”
sapendo che:
mentre la simmetria porta all’amplificazione
di un problema e un bisogno
la complementarietà porta alla sua riduzione.
Per trovare la soluzione adeguata ad un problema
può essere efficace sia amplificarlo con la simmetria
sia ridurlo con la complementarietà.
- Battersi con le stesse armi della concorrenza e sul
suo stesso mercato è simmetria; usare armi diverse
od orientarsi ad un diverso mercato è complementarietà.
- Aumentare le vendite diminuendo il prezzo è
simmetria; aumentare le vendite aprendo nuovi
settori di mercato è complementarietà.
- Affrontare ogni difficoltà organizzativa come un
problema di procedure e di processi è simmetria;
indurre nella organizzazione proattività e intelligenza
emotiva è complementarietà.
Rispetto alla teoria del cambiamento possiamo
dire:
Nelle organizzazioni, “cambiare per rimanere
uguali” è simmetria mentre “favorire la discontinuità”
è complementarietà.

Nessun commento: